L’ultimo giorno del Salone di Torino si concentra sulla didattica del futuro

Oggi si chiude la ventiseiesima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino che, come abbiamo ricordato più volte, ha avuto come tema portante quello della creatività, tema che si è snocciolato intorno allo slogan Dove osano le idee . Noi abbiamo osato presentandovi ogni giorno alcuni appuntamenti di Book to the future , vale a dire l’area del Padiglione 2 interamente dedicata all’editoria digitale e alle nuove tecnologie di fruizione culturale. E anche oggi abbiamo due incontri da segnalarvi, incontri che si aprono alla creatività nel solco dell’edizione 2013 del Salone. Un primo appuntamento è a cura di UniDida – Soluzioni informatizzate per la didattica e ha come titolo Nuovi strumenti tecnologici per la Cl@sse 2.0 . Daniele Costamagna, presidente di UniDida, illustrerà i principi basilari per orientarsi nella scelta dei dispositivi individuali e di classe per attrezzare la classi 2.0. L’altro appuntamento che riguarda sempre la scuola è un dialogo tra Lucio Bragagnolo (giornalista, content producer, consulente in comunicazione) e Francesco Zambotti (pedagogista, formatore, consulente per l’innovazione) sul tema: Apprendere nella scuola del futuro . Coordinati da Giacomo Ambrosi (freelance editor), Bragagnolo e Zambotti daranno le proprie risposte alle domande: come cambiano l’apprendimento e la didattica nell’era digitale? Qual è il futuro dei libri didattici e come si trasformano? L’ultimo giorno del Salone di Torino si concentra sulla didattica del futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code