Anna Karenina in piena scena teatrale per il Colossal di John Wright ispirato a Tolstoj

Dopo “Orgoglio e Pregiudizio” ecco Keira Knightley riprendere sottane e crinoline per incarnare una delle eroine romantiche per eccellenza, é proprio lei a prestare volto e voce alla settima versione in pellicola di Anna Karenina di Lev Tolstoj . La sua interpretazione del grande classico della letteratura russa moderna rimette in discussione alcuni cliché della società dell’epoca e sotto lo sfondo della sconvenevole relazione tra la giovane Anna, moglie infelice ed irrequieta dell’alto funzionario Alexis (Jude Law), e il bell’ufficiale di cavalleria Comte Vronsky , da forma ad una severa critica dei mores già presente nel romanzo, ma non necessariamente messa in luce nelle numerose creazioni per il grande schermo, tra le quali l’ultima in ordine di tempo, nonché la prima made in USA ad esser girata in Russia, risalente al 1997 e diretta da Bernard Rose, con Sophie Marceau e Sean Bean. Il film drammatico a sfondo storico realizzato da una produzione anglo-francese, presentato in occasione del Festival di Toronto nel settembre 2012, per uscire nelle sale britanniche il 7 dello stesso mese, in quelle italiane a fine novembre (in occasione del Festival di Torino ) e oltralpe all’inizio di dicembre, adattamento cinematografico adopera di Joe Wright , con testi di Tom Stoppard , sposa l’ambientazione scenica e da spessore ad una storia d’amore dai connotati epici. Girata in parte in un decoro spurio, la vicenda cardine mette in contrasto i fasti dell’alta società russa dall’umore decadente e

Visita il post:
Anna Karenina in piena scena teatrale per il Colossal di John Wright ispirato a Tolstoj

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *