Roberto Saviano condannato per "Gomorra": lo scrittore e Mondadori dovranno risarcire Enzo Boccolato

Lo scrittore Roberto Saviano è stato condannato per diffamazione nella causa civile intentata dall’avvocato Alessandro Santoro, legale di Enzo Boccolato . Quest’ultimo è stato citato in “Gomorra” . Si legge nella sentenza , emessa dal giudice della prima sezione civile del Tribunale di Milano, Orietta Miccichè: “E’ accertato il contenuto diffamatorio in danno di Enzo Boccolato della frase contenuta a pagina 291 del libro intitolato ‘Gomorra’, nella parte in cui l’autore prospetta che Enzo Boccolato insieme ad Antonio La Torre ’si preparavano anche a tessere una grande rete di traffico di cocaina’” Saviano e l’editore, Mondadori, dovranno versare 30mila euro a titolo di risarcimento, pagare le spese processuali e pubblicare, a pagamento e a caratteri più grandi del normale su La Repubblica l’intestazione e il dispositivo della sentenza, entro 30 giorni dalla notifica. Dal canto suo lo scrittore, che da tempo vive sotto scorta e che di recente ha pubblicato un nuovo libro ( “Zero Zero Zero” ) ha dichiarato: “Il mio lavoro è raccontare e analizzare ciò che accade. Boccolato ha avuto ragione al Primo grado del processo civile, ma sono convinto di quanto ho scritto

Vedi articolo originale:
Roberto Saviano condannato per "Gomorra": lo scrittore e Mondadori dovranno risarcire Enzo Boccolato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *