Angelology, di Danielle Trussoni. Nephilim, progenie malvagia

Angelology , di Danielle Trussoni , autrice americana di origini italiane, trapiantata in Francia e sposata con uno scrittore bulgaro, è il primo volume di una serie che mescola thriller religioso alla Dan Brown, ma anche alla Umberto Eco (pur più superficialmente), e urban fantasy angelico alla Lauren Kate e alla Becca Fitzpatrick (pur non YA e non incentrato principalmente sul romance). Il libro, che ha riscosso un grande successo – tanto da essere considerato tra i 100 migliori libri del 2010 dal New York Times – è stato importato in 32 Paesi e avrà una trasposizione cinematografica targata Columbia Pictures (con la partecipazione della casa di produzione di Will Smith e la regia di Marc “007. Quantum of Solace” Foster). Per quanto sia poco amante dei thriller e delle cospirazioni (religiose o meno che siano), devo dire che l’introduzione dell’ …

Estratto da:
Angelology, di Danielle Trussoni. Nephilim, progenie malvagia

One Response to Angelology, di Danielle Trussoni. Nephilim, progenie malvagia

  1. LadyAileen ha detto:

    Angelology è il primo libro di una nuova serie che vede protagonisti gli Angeli, ma se dalla copertina (senza dubbio accattivante) state pensando ai soliti urban fantasy che hanno invaso negli ultimi tempi le librerie italiane, vi sbagliate di grosso.
    Non sto qui a raccontarvi la storia perché non sarebbe giusto rovinarvi la sorpresa ma sappiate che vi troverete davanti ad un romanzo diverso.
    Il romanzo è principalmente un thriller religioso (potrebbe piacere a chi ha letto Dan Brown) dove la componente romance è quasi inesistente.
    Il volume è abbastanza corposo non solo per il numero di pagine ma anche per la complessità della storia (gli argomenti trattati non sono semplici) e per la presenza di numerose e dettagliate descizioni di ambienti e luoghi. Queste ultime seppur minuziose ed interessanti a volte tendono a distrarre facilmente ma la cosa più strana è che per quanto riguarda la società degli Angelologi, l’autrice si è mantenuta un pò sul vago.
    Nonostante questo, resta un testo che si legge con piacere anche se il tempo di letturà aumenterà, i personaggi risultano un pò piatti (a cominciare dalla protagonista Evangeline che non mi ha suscitato grande simpatia) ma la curiosità è così forte che spinge ad andare avanti.
    L’autrice è riuscita ad amalgamare bene fantasia, eventi storici, teologia e mitologia dando vita ad una storia coinvolgente con colpi di scena inaspettati e la giusta dose di suspance.
    Anche se Evangeline il personaggio principale, i punti di vista sono molteplici senza però destabilizzare il lettore.
    Il finale, essendo il primo volume, lascia alcune cose in sospeso ma di sicuro qualche risposta si riesce ad ottenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.