I baci di Namea, di Roberto Piumini

Con la mia bocca parlo/mangio mele e focaccia/e, quando occorre farlo/io faccio una boccaccia:/buco per sorsi e morsi/cucina dei discorsi Mi sono innamorata di questa collana dedicata ai cinque sensi di Raffaello editore, Le pepite. Il motivo principale, oltre alle belle illustrazioni, sono le storie, scritte da quel geniaccio di Roberto Piumini – un nome che non ha bisogno di presentazioni, per chi si intende di letteratura per l’infanzia. Ecco allora cosa si è inventato Piumini per illustrare in favola il senso del gusto: la storia della statua Namea, ovvero una bellissima fanciulla di pietra che dà consigli a chiunque le si avvicini. Consigli che funzionano naturalmente, e ti fanno ottenere quello che vuoi. E allora perchè Golo, che le ha chiesto il modo migliore per conquistare Luma, ancora non ci riesce? In effetti non è stato carino morderle le labbra, o presentarsi a lei dopo aver mangiato una cipolla cruda, come le ha suggerito Namea le prima due volte: Luma è fuggita, e chi può biasimarla?. Ma Golo è così bello, e forse Namea ne è innamorata…Glielo dimostrerà con il terzo consiglio che gli darà. R. Piumini, Evelyn Daviddi (ill) I baci di Namea Raffaello ragazzi ed. 10 euro I baci di Namea, di Roberto Piumini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code