La biblioteca di San Lazzaro degli Armeni a Venezia

Si tratta di una biblioteca singolare, inserita nel monastero veneziano di San Lazzaro degli Armeni. Il complesso di edifici situato nell’isoletta della laguna laguna leggermente ad occidente del Lido, era stato abbandonato nel XVI secolo e poi assegnato il 26 agosto 1717 dalla Repubblica di Venezia ad un gruppo di monaci armeni in fuga da Modone guidati dall’Abate Mechitar, che l’8 settembre dello stesso anno presero possesso dell’isola, cominciarono a restaurarne la chiesa e vi fondarono successivamente una tipografia destinata a diffondere autonomamente la lingua e la cultura Armena, indipendentemente dalle tipografie Veneziane, e successivamente anche una biblioteca. Quest’ultima è composta da più sale. Tra le sue stanze ce n’è una di forma circolare in merito alla quale si dice che chi si ponga esattamente al centro parlando a voce alta, possa intendere distintamente l’eco delle proprie parole come se fosse in uno spazio stretto. A proposito di questo luogo dall’atmosfera mistica e un po’ sinistra, del quale siamo venuti a conoscenza grazie ai “Misteri della laguna e racconti di streghe” di Alberto Toso Fei si raccontano varie leggende, tra quali una in particolare, si tratta della diceria secondo la quale tra i volumi presenti nella raccolta …

Leggi e segui:
La biblioteca di San Lazzaro degli Armeni a Venezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code