La nascita del libro stampato: l’esperto professore Pettegree ci parla dei suoi studi in merito

In un’intervista sul Boston Globe , si parla della nascita del libro stampato e delle problematiche che ne scaturirono. A guidarci in questo tuffo indietro nel tempo il professore Andrew Pettegree, autore del libro “Il libro nel Rinascimento”, storia della nascita della stampa. Il primo riferimento è naturalmente Johann Gutenberg, che intorno al 1450, iniziò i primi esperimenti di stampa con caratteri mobili cimentandosi con piccoli libri come la Grammatica di Donato. Quindi, si impegnò a realizzare l’ambizioso progetto della Bibbia a 42 linee. Era il primo libro stampato con caratteri mobili e aveva 42 righe per pagina, il successo fu immenso ma tutto il progetto fu tremendamente costoso. A quel tempo la gente non aveva l’abitudine di spendere denaro per l’acquisto di libri; i pochi che giravano erano manoscritti e se qualcuno desiderava una copia di qualche testo, doveva ordinarla. E poi, per coloro che possedevano libri, quelli vergati a mano erano più interessanti, offrendo colorate miniature e decorazioni, che i primi libri stampati nella loro monotona monocromia, non potevano vantare. E allora, come per l’iPad adesso, fiorì tutta una serie di domande realtive al potenziale di questo nuovo oggetto, il libro stampato. Il professor Pettegree ha studiato attentamente la questione, e ci rivela che dal principio…

Vai alla fonte:
La nascita del libro stampato: l’esperto professore Pettegree ci parla dei suoi studi in merito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code