Racconti fatali, di Leopoldo Lugones

La Nova Delphi pubblica per la prima volta in italiano i Racconti fatali di Leopoldo Lugones (1874-1938) opera del 1926 che insieme a Le forze estranee , sempre di Lugones, del 1906 è considerata tra i precursori di quella narrativa breve argentina che avrà molta fortuna nel corso del secolo scorso. Cinque sono i Racconti fatali che compongono questa raccolta: Il vaso di alabastro , Gli occhi della regina , Il pugnale , Il segreto di Don Giovanni e Águeda . Storie che si muovono nel mondo del mistero, dell’occulto, con incursioni nelle religioni di altri periodi e altre culture. Possiamo grosso modo dividere i cinque racconti in due filoni: quello orientale ( Il vaso di alabastro , Gli occhi della regina e Il pugnale ) e quello legato a leggende o tradizioni popolari ( Il segreto di Don Giovanni e Águeda ). Racconti che vanno dall’ambientazione egizia ( Il vaso di alabastro ) siriana ( Gli occhi della regina ) alla storia orientale dei secoli XI-XIII ( Il pugnale ) all’Argentina dei giorni nostri (cioè dell’autore) con Águeda . Cosa lega questi cinque racconti? Se lo chiede Camilla Cattarulla, docente di Lingua e letterature ispanoamericane presso l’Università di Roma Tre, che firma l’interessante saggio che funge da prefazione alla raccolta di racconti. Secondo la studiosa Lugones sceglie di raccogliere in un unico volume questi cinque racconti per un ben preciso motivo: Indubbiamente il tema principe che li accomuna è il contrasto tra amore e morte e il destino “fatale” di tutti i personaggi, inclusi quelli femminili che irrompono nell’esistenza di quelli maschili creando un’aura di mistero …

Vedi il seguito qui:
Racconti fatali, di Leopoldo Lugones

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code