Bravi librai: raccontateci i vostri

Io conosco ne conosco di bravi librai di Roma. Posso fare i nomi e i cognomi (d’altronde è un elogio). Come ad esempio la giovane Teresa Longo, responsabile del bookshop del Caffè letterario a Ostiense, dove troverete pochissimi best seller, ‘fagocitati’ da un catalogo di titoli di piccole e medie case editrici (che vendono molto, mi dice). Una scelta che rende, stranamente, come mi ha raccontato. O come la tostissima sarda Luisa Aresu, della libreria Piramide. Che gestisce tutto da sola da quando ha deciso, da semplice dipendente, di prendere sulle sue spalle la libreria, gestita per vent’anni dal vecchio proprietario. Campa con le vendite dei libri di scuola, ‘e sicuro vendono più le bancarelle di fronte all’entrata della metro Piramide’. Però va avanti. E le piace leggere, tanto. Ti consiglia lei i libri, se sei in un periodo ‘un po’ così’ e non sai che comprare. E voi? Parlateci dei vostri librai del cuore. E soprattutto: ne esistono di ‘librai’ così? Aspetto commenti anche dagli scettici. Foto | Flickr Bravi librai: raccontateci i vostri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.