Gli adulti sono bambini andati a male, di Maurizio Parodi

Il sottotitolo di questo libro molto interessante di Maurizio Parodi, Gli adulti sono bambini andati a male , è “per genitori, educatori e insegnanti che vogliono imparare a non insegnare”. Perchè a volte “insegnare” è un modo per far “andare a male” i bambini, come ci spiega. Prendiamo ad esempio la logica dell’”ognun per sè”, che viene proposta sia nell’apprendimento che nel gioco. “Siamo precocemente istruiti a battere o abbattere l’altro: avversario e nemico”, cosa relativa alla nostra cultura visto che altre popolazioni (ad esempio gli Inuit in Alaska, o gli aborigeni australiani) conoscono solo “giochi cooperativi”. Metodo, quello competitivo, da mettere in discussione, se è vero che “siamo animali comunicativi, molto più portati a collaborare che a competere; e la cooperazione funziona meglio se ci sentiamo tutti partecipi, alla pari, animati da valori comuni: non soggetti all’autorità indiscussa che disciplina dall’alto. Sfruttare bene questa nostra indole ci apre potenzialità illimitate”. Si impara meglio “insieme”, insomma. E si impara anche sperimentando “l’errore “– altro concetto interessante – come “indizio di una elaborazione originale (che ci parla di possibilità impensate e non esplorate”. In altre parole, non serve a molto “riprendere il bambino a ogni errore”, ma sarebbe più utile fornire a ogni scolaro “i mezzi ma…

Vedi post:
Gli adulti sono bambini andati a male, di Maurizio Parodi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code