I pensieri oziosi di un ozioso, di Jerome K. Jerome

Un libro con questo titolo sembra adattarsi perfettamente allo stile vacanziero di questi giorni; eppure, sebbene potrebbe all’apparenza evocare disimpegno e relax, riserva delle sorprese. E ciò fa piacere a chi, come me, pensa che l’estate non debba per forza essere il momento in cui si stacca completamente il cervello. Tutto, dalla televisione al cinema, passando per l’editoria, suggerisce frivolezza e superficialità ad ogni costo. Come se pensieri un po’ più profondi potessero rovinare il divertimento. Jerome K. Jerome , il geniale autore di Tre uomini in barca e Tre uomini a zonzo , partendo dall’elogio di una certa forma di pigrizia (” E’ impossibile godere della pigrizia fino in fondo se non si ha parecchio lavoro da compiere “) lascia scorrere la penna sui più svariati e universali temi (l’innamoramento, il tempo, la timidezza, la povertà, la memoria…) con l’ironia e la lucidità che lo contraddistinguono. Ed è sorprendente accorgersi di quanto le sue riflessioni, nate più di un secolo fa, siano attuali. Segno che fosse una grande conoscitore della natura umana, o che, forse, evolversi in alcuni campi sia per l’uomo impossibile. I pensieri oziosi di un ozioso Jerome K. Jerome Piano B edizioni € 11 pp. 141 I pensieri oziosi di un ozioso, di Jerome K. Jerome

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code