La visione dell’acqua

I referendum dello scorso giugno hanno raggiunto il quorum, come ben sapete. Dei quattro quesiti referendari, come si ricorderà, due riguardavano l’acqua. Per dirla con Francesco d’Assisi, l’acqua è “molto utile et humile et pretiosa et casta”, è un bene comune che va sempre difeso, ci siano o no referendum e, soprattutto, non va sprecato. All’acqua è dedicato il libro La visione dell’acqua . Un viaggio dalla cosmogonia andina all’Italia dei beni comuni a cura dell’associazione Yaku e con la prefazione di Eduardo Galeano. Il libro è un duplice viaggio: fisico e, direi, metafisico. Quello fisico va dalla Bolivia, alla Colombia, all’Italia. Quello metafisico percorre gli stessi sentieri geografici ma si addentra nel vissuto e modo di sentire che le varie persone e culture hanno dell’acqua. La bellezza di questo libro, a mio modo di vedere, risiede proprio in questo viaggio spirituale attraverso la concezione dell’acqua in varie culture. È interessante, infatti, notare come culture diverse e lontane tra loro abbiano sviluppato tutta una serie di miti e di sentimenti intorno all’acqua e l’abbiano sempre difesa come elemento sacro, anche al di là di bieche concezioni politiche asservite a ben altri interessi che non quelli del ben-essere delle persone. Da notare, infine, la copertina essenziale e molto d’effetto, con una frase di Eduardo Galeano che fa da illustrazione ( De agua somos. ¿Cómo podríamos vendernos? El agua, sagrada, quiere ser de todos. ¿Cómo podríamos traicionarla? ) La visione dell’acqua cambia, ovviamente, a seconda del contesto socio-culturale in cui si vive, ma rimane sempre uno dei quattro elementi (aria-acqua-terra-fuoco) che regge e governa il mondo. Anche ora che il referendum è passato e la volontà popolare si è espressa è bene tornare su questo libro e rileggerlo per rinfrescarsi le idee alla luce delle varie culture che hanno …

Leggi l’articolo originale:
La visione dell’acqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.